Cerca
  • Alice Nicoli

Il segreto di Medusa, Hannah Lynn


Il segreto di Medusa è uscito in Italia il 2 dicembre 2021 ed è stato edito da Newton Compton Editori.

Questo romanzo inaugura una nuova trilogia di testi autoconclusivi sulla mitologia greca femminile, The Grecian Women Trilogy, che vedrà come protagoniste rispettivamente del secondo e del terzo testo Clitennestra e Ippolita (il secondo libro è già stato pubblicato nella patria della scrittrice, l'Inghilterra).

Dopo il successo dei romanzi La canzone di Achille, Circe e Galatea della scrittrice Madeline Miller è aumentato sempre di più l'amore per la rivisitazione dei miti greci, si aggiunge proprio a questa categoria il lavoro di Lynn. Il primo romanzo dell’autrice parte proprio da uno dei più famosi miti greci, quello di Medusa, e si incarica di raccontare non la storia tradizionale della Gorgone con la testa ricoperta di serpenti che tramuta chiunque la osservi in pietra, storia che tutti conoscono, ma come questo mostro sia nato, cosa c'è dietro di essa.


Hannah Lynn vuole quindi far riaffiorare e tornare a galla una storia sepolta, quella di Medusa, per permettere a più gente possibile di conoscere come è nata questa famosa creatura.


Quando si pensa a Medusa ci si immagina spesso un mostro senza anima e senza cuore che prova piacere nel togliere la vita ai mortali che incontrano il suo cammino. La scrittrice ci racconta invece un'altra storia che nessuno si è mai interessato di scoprire.

Quando si è di fronte a un mostro, chi cerca mai di guardare oltre le zanne e gli artigli? H. Lynn, Il segreto di Medusa, Newton Compton, Roma, 2021

La Medusa di Hannah Lynn è umana, emancipata, femminista. É una ragazzina che è costretta a rifugiarsi nel tempio di Atena per evitare un futuro doloroso fatto di matrimoni di interesse e violenze perpetrate dal futuro marito. Una volta accolta dalla Dea, la sacerdotessa passerà il suo tempo a cercare di aiutare gli abusati, gli inascoltati e soprattutto le donne come lei vittime di violenza e che non riescono a farsi valere in un'epoca storica in cui le donne non hanno alcuna voce in capitolo. Però anche quello che doveva essere un porto sicuro per la ragazza si rivelerà tutt'altro che protetto. Se da un lato gli uomini mortali, infatti, non avrebbero mai osato violare un luogo sacro alla Dea Atena la stessa cosa non si può dire di un Dio. Poseidone conosce Medusa e ne rimane talmente affascinato da volerla fare sua. É così che Medusa viene violentata. Trovata sugli scalini del tempio della Dea dopo lo stupro però la sua versione dei fatti non viene ascoltata e Atena, che si sentirà tradita, ripudierà e maledirà la giovane trasformandola nel mostro che tutti conoscono.


Ma anche tramutata in Gorgone Medusa non perderà l'umanità e l'empatia che l'hanno sempre contraddistinta.


Non proverà piacere nel trasformare in pietra i malcapitati che durante il corso dei millenni faranno visita alla sua isola con la speranza di ucciderla per ottenere gloria e dovrà fare i conti con un sempre più grande senso di colpa nei confronti delle persone coinvolte in questa sua tragica storia. Nella seconda parte del romanzo poi la storia della Gorgone si intreccerà con quella di Perseo, concepito dall'umana Danae e dal Dio Zeus tramutato in una pioggia di gocce d'oro. Perseo, che giungerà sull'isola di Medusa non per cercare la sua stessa gloria ma per difendere a sua volta la madre da un uomo, sarà l'unico a conoscere e comprendere la vera storia di Medusa, la storia di una donna trasformata e creduta da tutti un mostro senza pietà.


L'incontro di questi due personaggi mitologici, ognuno con la sua storia fatta di dolori e difficoltà, porterà a un finale dal sapore dolceamaro che ci mostrerà ancora una volta l'umanità e il grande cuore di Medusa e che ci farà vedere sotto un punto di vista totalmente diverso il mostro della Gorgone che, secondo questa narrazione, non è il vero mostro della storia.


Il racconto di Hannah Lynn colpisce perché mette in luce, raccontando una storia molto lontana da noi, problemi che in realtà sono molto attuali. Si parla quindi di una violenza che è perpetrata: è la violenza fisica, quella del non credere alle parole della vittima, quella dei serpenti che attaccano prima tra tutte la protagonista e che sono come una metafora di tutte le altre voci che attaccano la vittima invece che il carnefice. Si parla poi di emancipazione femminile, di matrimoni d'interesse, di donne che non vengono ascoltate e che vengono invece considerate seconde agli uomini, di donne che affossano altre donne in momenti difficili, di pensieri suicidi, di sacrificio. Ma non si tratta solo di questo.


Omertà e silenzio di fronte alle atrocità


Perseo prometterà a Medusa di raccontare la sua vera storia ma qualcosa alla fine lo fermerà visto che poi la storia tramandata nei secoli non è quella di una sacerdotessa vittima ma quella di un mostro senza pietà.

Alzando la voce per qualcun altro, rischi di perdere tu stesso qualcosa. E nessuno vede oltre il proprio riflesso nello specchio. H. Lynn, Il segreto di Medusa, Newton Compton, Roma, 2021

Hannah Lynn riesce a raccontare in modo essenziale, con termini semplici e in un modo dolce ma vero e deciso, delle tematiche molto importanti e di cui tutti dovrebbero leggere e informarsi per poter costruire un futuro migliore con meno violenza e più rispetto. Tematiche attuali e delicate raccontate in questo modo permettono una riflessione profonda e coinvolgente che ci lascia una morale importante: il male genera altro male.

Questa storia sarebbe più semplice, per molti versi, se l'oscurità fosse nata dentro di lei. Ma non è così. Lei non era così. Furono dei mostri a creare Medusa, ma lei non era nata da essi. H. Lynn, Il segreto di Medusa, Newton Compton, Roma, 2021

Bisogna comprendere che spesso i mostri non nascono dal nulla ma che vengono generati da altra violenza. Il male non può mai portare niente di buono se non la creazione di altro male ed è per questo motivo che ogni forma di violenza va duramente condannata ed evitata per la creazione di un mondo più bello in cui valga la pena vivere.