Cerca
  • Lucrezia Roviello

Chi è senza peccato, Jane Harper

Scagli la prima pietra…


Chi è senza peccato − The Dry (in inglese semplicemente The Dry) è romanzo thriller scritto da Jane Harper e edito in Italia da Bompiani. La storia è quella di un agente federale che torna nella sua città natale, Kiewarra (nel Victoria) a seguito della morte del suo caro amico di infanzia, Luke. Ma sono molti i misteri legati alla scomparsa dell’uomo: un omicidio-suicidio che sa di menzogna, ambientato in una dimenticata cittadina fitta di ulteriori segreti, taciuti, dimenticati in un terreno arido, nelle profondità di un fiumiciattolo o incastrati tra le rocce di un bosco. Tutti sembrano conoscere delle verità che si intrecciano, entrano in contrasto tra di loro e si confutano. Tutto sembra essere soggetto ad un tempo passato che tutta la cittadina di Kiewarra ha sempre voluto dimenticare ma che, inesorabilmente, non è riuscita a farlo. Scagli la prima pietra chi è senza ricordi e poi chi è senza peccato.


La trama


Un omicidio sconvolge la cittadina di Kiewarra: Luke Hadler, un giovane uomo, uccide la moglie Karen e suo figlio Billy, lasciando in vita il solo il secondogenito e si uccide con un colpo di fucile. Aaron Falk, agente federale e amico di infanzia di Luke, torna in città per i funerali della famiglia devastata, ma viene trattenuto dai genitori dell’omicida per indagare sulla vicenda: d’altro canto Luke non era così disperato al punto di commettere quell’impensabile ed estremo gesto. Aaron resta, ma deve fare i conti con le memorie del passato che riaffiorano: sono indelebili le immagini della sua fidanzatina Ellie, morta misteriosamente. Il periodo della sua adolescenza e quello delle indagini si intrecciano tra di loro, in una cittadina che lo accusa della morte di Ellie. Dalla sua parte c’è il sergente Greg Raco, l’uomo che garantisce la giustizia a Kiewarra e lo affianca nelle indagini.


Un tempo erano stati felici lì, Falk lo sapeva. Lui e suo padre, almeno. La casa era come una linea nella sua vita. Un segno, lo spartiacque tra il prima e il dopo. Lo travolse un fiotto di rabbia diretta almeno in parte a se stesso.

Le trame che infittiscono Chi è senza peccato sono molteplici. La sensazione che si ha nel corso della lettura è quella di ritrovarsi sempre di fronte sempre a un nuovo mistero da svelare e che, al contempo, va a complicare la trama principale. Ogni personaggio ha un proprio background che, probabilmente, non è ancora pronto ad affrontare. La parola d’ordine è faccende in sospeso: quelle di cui, secondo miti e leggende bisogna disfarsi prima di morire. La potenza del romanzo è data da una (rara) disinvoltura nell’utilizzo dei dialoghi (che molto probabilmente hanno agevolato il processo di scrittura dell’omonimo film, diretto da Robert Connolly). Chi è senza peccato è il romanzo di esordio della scrittrice australiana Jane Harper che, dal 2017, le ha fatto collezionare premi come il Gold ABIA per Libro dell’Anno, il Davitt Award il Gold Dagger: quest’ultimo premio è stato assegnato dalla Crime Writers Association del Regno Unito alla Harper per il miglior romanzo poliziesco dell'anno. Una “sala d’onore” che non solo ha fatto sì che la Harper ottenesse i meriti che le spettavano, ma che, nel 2020 spingessero l’attrice Reese Witherspoon ad acquistarne i diritti per trasformarlo nel film di cui sopra (di cui la Harper ne è la produttr